Siti
Il meglio del Web
Siti Piazze Compro Passatempi Food
Navigare Facile Meteo Prestiti A portata di Mouse Risultati Calcio
Web Links


Campi Bisenzio
Portale su Campi Bisenzio, comune in provincia di Firenze, con tante notizie sulla storia e sui monumenti da visitare.
-
Campi Bisenzio
Il Portale di Campi Bisenzio: informazioni generali e stradali, cenni storici, attrazioni turistiche ed eventi
-
Firenze
Una guida per visitare Firenze con i luoghi da vedere dalle Piazze ai Ponti, ai Giardini. Inoltre informazioni sui Musei di Firenze e sulle sue Chiese per fare un tour completo nella splendida città rinascimentale.


La Storia

La Lunga Storia di Campi Bisenzio

Nel territorio sul quale sorge oggi Campi Bisenzio i primi insediamenti dei quali si ha notizia risalgono all'età del bronzo; successivamente è documentata la presenza degli Etruschi di cui restano tracce importanti in tutta la zona circostante.

Dove

Nel periodo della colonizzazione Romana Campi Bisenzio fu assegnata a Firenze e divenne luogo di residenza dei soldati veterani dell'esercito Romano.  Con la caduta dell'impero Romano e il conseguente  abbandono delle opere idrauliche realizzate per preservare il territorio dalle inondazioni dei vicini torrenti, la zona tornò, nel giro di breve tempo, ad essere paludosa.

Se andiamo a ritroso nel tempo e cerchiamo traccia della prima citazione di Campi Bisenzio nella storia risaliamo a Carlo Magno, circa nel 780, periodo nel quale sembra sia stato citato questo territorio fra quelli per i quali si dava ordine di bonifica; circa nell'800 poi Carlo Magno ne dispose la fortificazione e Campi che divenne Castello. Sorgeranno nei successivi 60 anni due delle Chiese più note del luogo e intorno all'anno 1000 si ha notizia dei primi insediamenti stabili nella zona che si diffusero piuttosto rapidamente. Economicamente la zona progredì grazie all'installazione di gualchiere e mulini lungo il corso del  Bisenzio che tuttavia resterà fonte di notevoli problemi per le periodiche inondazioni sul territorio. L'anno 1000  fu anche il periodo nel quale Campi passò sotto il controllo dell'imperatore Ottone I, appartenente alla potente famiglia dei Mazzinghi; l'imperatore fece realizzare la prima Rocca di Campi e mantenne il controllo di questo territorio, accrescendo nel tempo il proprio potere si pensi che per oltre 100 anni percepì i tributi della città di Pistoia; alla fine di questo periodo tuttavia, Campi tornerà sotto il controllo della città di Firenze che nel 1170 la includerà nel Sestiere di San Pancrazio.

Fonti storiche menzionano il castello di Campi come il posto nel quale ebbero inizio le diatribe fra Guelfi e Ghibellini, un banale incidente diplomatico lo definiremmo oggi, in occasione di una cerimonia ufficiale, mai risolto evidentemente, che diede il via a rappresaglie di gravità sempre crescente. Annessa alla città di Firenze come abbiamo detto,  nel 1292 Campi entrò a far parte del quartiere di Santa Maria Novella subendo nel corso dei successivi decenni saccheggi e devastazioni; succederanno anni nel corso dei quali si insedieranno a Campi importanti famiglie fiorentine che acquisteranno terreni e beni di vario genere, mentre il territorio si preparava ad essere ancora flagellato da una violenta alluvione nel 1333. Ripristinata la Rocca e rinforzata le fortificazioni al castello nel 1427, Campi verrà annessa a Scarperia di cui rappresenterà il centro più importante e popoloso. Seguiranno ancora decenni di battaglie e distruzioni  fino al 1550 quando, a seguito della restaurazione Medicea, finalmente Campi non ebbe più ruoli militari, furono addirittura abbandonate le mura del castello che caddero nel 1552. Nel pacifico periodo granducale vennero avviate importanti opere di bonifica del territorio e si diede inizio ad imponenti opere per la realizzazione di vie di comunicazione.  La cura dell'ambiente fu esemplare e ciò consentì una florida ripresa dell'agricoltura con coltivazioni di frumento, gelso e lino e l'inizio del processo di lavorazione della paglia e della lana che nel corso dei secoli successivi diventerà un fiore all'occhiello di questo territorio. Nel 1737 succedette, all'estinta dinastia Medicea, quella degli Asburgo-Lorena che programmarono una serie di interventi con riforme che non ebbero in realtà particolare rilevanza, fatto salvo per quella relativa alla liberalizzazione nel commercio della paglia. Nel 1774 nascerà il Comune di Campi nella versione moderna, comprendendo al suo interno i territori della vecchia podesteria quindi Campi, Calenzano, Signa e Montemurlo. Ma si prepara il dominio Francese per la Toscana, annessa interamente all'impero Francese nel 1807, Campi inclusa dunque e Napoleone con un decreto del 1809 decise la separazione dal territorio di Campi di  Calenzano, Signa e Montemurlo. Nel 1814 ebbe fine il controllo dell'impero Francese e dopo breve tempo riprese il suo posto la dinastia Lorense. Il 1832 rappresentò un anno di grandi cambiamenti per Campi che vide la demolizione definitiva delle mura medievali e la ricostruzione del ponte sul Bisenzio; la popolazione era in rapida crescita così come di crescente importanza era la lavorazione della paglia, che si trasformò in una fiorente e redditizia attività lavorativa per una buona fetta della popolazione, oltre ad essere il primo concreto segnale di un processo di industrializzazione.

Nel 1862  questo Comune assunse il suo nome attuale, scelto anche in conseguenza della necessità di differenziarsi dai neonati comuni con nomi simili. L'amministrazione continuò la realizzazione di opere pubbliche per una maggior efficienza dei servizi, in questo periodo vennero realizzate le carceri così come vennero aperte nuove strade di collegamento con i comuni vicini. L'industrializzazione avanzava e accanto alla lavorazione della paglia diventava sempre più importante  quella del pellame con l'apertura di più di un'azienda per la conciatura delle pelli. Risalgono a questo periodo i primi moti operai e a breve avrà inizio l'opposizione al fascismo che anche da Campi Bisenzio non venne mai a mancare. Nella storia della Resistenza,infatti,  Campi Bisenzio rappresenta uno dei comuni protagonisti maggiormente attivi dell'intera Toscana.

Navigare Facile
campibisenzio.info

Il sito dedicato a Campi Bisenzio, con cenni storici e utili informazioni per visitare e conoscere questa cittadina Toscana.
Argomenti

Campi Bisenzio
La Storia
Cosa Vedere
Hotel
Ristoranti
Mappa
Attività Commerciali